Espositori

Linee guida alla partecipazione alla XXXVII Sagra delle Pesche e dei prodotti tipici

La XXXVII edizione della Sagra della Pesche e dei prodotti tipici si terrà nei giorni di sabato 6 e domenica 7 ottobre 2018 prevalentemente nei luoghi del centro storico originari (Piazza Margherita, Piazza Branciforti, Sagrato Chiesa Madre, Villa Comunale, Pescheria, Ecomuseo, Granfonte e Corso Umberto).

L’accesso alla mostra mercato e la vendita deve essere autorizzata preventivamente, a seguito di regolare istanza da far pervenire entro e non oltre le ore 12.00 di venerdì 05.10.2018.

Potranno accedere alla mostra mercato:

Produttori agricoli, coltivatori diretti, imprenditori agricoli professionaliSono ammessi alla Sagra esclusivamente per la esposizione e/o vendita di prodotti tipici agricoli e/o locali, trasformati e non, ivi compresa la frutta secca, sempre nel rispetto delle vigenti norme di natura fiscale e, ove previsto, igienico sanitaria
Artigiani ed artistiEsposizione di opere frutto del proprio ingegno a carattere creativo. E’ consentita la posta in vendita delle opere allorquando il richiedente sia in regola con le norme in materia fiscale, dimostrando di svolgere questa attività in modo professionale, ovvero non professionale e quindi solo occasionalmente
Titolari di attività commerciali e artigiani nel settore alimentare e non (purché di prodotti in armonia con la Sagra)Con priorità ai titolari di autorizzazione di cui all’art. 1 c. 2 lett.c) della L.R. 18/95
Ditte, associazioni, cooperative, aziendePromozione e commercializzazione prodotti, purché in armonia con la Sagra

Sia per ragioni di ordine logistico che di viabilità, nonché per connotare la Sagra nel suo aspetto autentico ed originale consentendo e privilegiando la vendita dei prodotti tipici locali e della tradizione alimentare e non alimentare siciliana, nei giorni e nei luoghi dello svolgimento della Sagra non è consentita l’attività di vendita dei negozi mobili di alimentari (panini e bevande) che potranno essere esclusivamente autorizzati ad esercitare nella Via Don Bosco e Via dei Cento Comuni.

L’attività di somministrazione su area pubblica da parte dei titolari dei pubblici esercizi potrà espletarsi negli spazi adiacenti il locale, siano essi ricadenti nelle aree della Sagra sia altrove, quando gli stessi siano in possesso dell’autorizzazione di occupazione suolo. Ogni altra somministrazione nei luoghi della Sagra è consentita purché relativa a prodotti tipici locali e della tradizione alimentare, inerenti la Sagra.

Per le medesime ragioni di ordine logistico e di viabilità non è consentita nei giorni e nei luoghi della Sagra  l’attività di spettacoli viaggianti  di rilevanti dimensioni.

Le Associazioni, gli Enti, i Comitati di persone che volessero partecipare alla Sagra ai fini di attività promozionale senza scopo di lucro, potranno farlo previa richiesta di autorizzazione e potranno esporre ed offrire dietro libera offerta prodotti attinenti alla Sagra in maniera non professionale dimostrando gli scopi esclusivamente benefici, assistenziali o altro.

Le scuole di ogni ordine grado possono partecipare alla Sagra chiedendo ogni singolo Istituto Comprensivo la concessione di uno spazio espositivo alla condizione che la richiesta, a firma dal Dirigente scolastico, indichi: • il docente responsabile; • i nominativi degli alunni partecipanti; • le attività poste in essere nella sagra, legati a progetti rigorosamente scolastici e deliberati dagli organi collegiali della scuola.

Non potranno avere accesso alla Sagra Comitati, Partiti e Movimenti politici, Testate, Enti e quant’altro, qualora abbiano come scopo propaganda delle proprie idee, proselitismo, ecc. Ai medesimi soggetti potranno eventualmente essere destinate aree esterne alla Sagra, fuori da quelle già individuate con la presente ordinanza, con le modalità previste dal vigente Regolamento per la concessione di suolo pubblico e previo il possesso delle prescritte autorizzazioni di PS, se dovute.

Tutti i partecipanti alla manifestazione sono esonerati dal pagamento della Tosap, giusta deliberazione n. 93 del 27/09/2018

Nei giorni 6 e 7 ottobre 2018, al di fuori degli esercizi  alimentari, dei luoghi consentiti  ai produttori diretti, è vietata la vendita delle pesche.

E’ vietata, altresì, nei giorni 6 e 7  ottobre 2018 la vendita in forma itinerante delle pesche nelle aree interessate alla Sagra e nel perimetro urbano.

Importi per la partecipazione alla Sagra 2018:

Affitto stand per l’intera manifestazione: € 165

Punto luce: € 30

Servizi: € 20

Tassa partecipazione al XXXIV Concorso estemporanea di pittura: € 5.

torna all'inizio del contenuto